Manohra Dance
rafting sull'Huai Nam
Khao Ok Thalu
Nan-Ban Pak Nai Fisherman Village
Parco nazionale Khao Pu-Khao Ya
Krajod products
Thale-Noi-Waterfowl-Reserve

La provincia di Phattalung merita una visita soprattutto perché in grado di far comprendere al visitatore come doveva essere il sud del paese prima di cominciare a modificarsi per andare inevitabilmente incontro alle esigenze ed alle aspettative del turismo.

Siamo sulla costa orientale di quella che geograficamente viene identificata come penisola malese. Adagiata sulla costa del Golfo di Thailandia, Phattalung confina a nord con La provincia di Nakhon si Thammarat a sud con Yala, ad ovest con Trang e ad est con la provincia di Songkhla.

Le principali attrazioni del luogo sono di tipo naturalistico. L’ambiente naturale che circonda la zona è arricchito da foreste, grotte, cascate, laghi e corsi d’acqua fra cui menzioniamo il parco nazionale Khao Phu Khao Ya, i laghi Thale Sap (il più grande di tutta la Thailandia) e Thale Noi.

La storia di questi luoghi rimane misteriosa. Così come la vicina Nakhon si Thammarat ha sicuramente fatto parte dell’antico Regno indipendente di Ligor e di altri imperi che si sono succeduti al potere nella zona anticipando la venuta del Regno del Siam.

Phatthalung vanta una meravigliosa attrazione per gli amanti degli uccelli e per tutti coloro che apprezzano luoghi naturali sereni e incontaminati. Situato a circa 30 km. a nord dell’omonimo capoluogo si trova la più grande riserva di uccelli acquatici del paese. Nota come Thale Noi, significa "piccolo mare". Questa zona umida di 460 kmq è protetta da un trattato internazionale per la conservazione e la sostenibilità delle zone umide. L'avifauna a Thale Noi è più abbondante tra novembre e marzo, con stormi che arrivano da luoghi lontani come la Siberia. Prevalenti tra le oltre 180 specie di uccelli locali e migratori che popolano queste zone umide sono gli aironi, le cicogne e le galline viola di palude. Tra le specie più rare l'oca pigmeo e l’aquila bramina. I giri in barca si effettuano all’alba e al tramonto tassativamente su long tail boats.

Thale Noi ospita anche varie specie di mammiferi, rettili, pesci e anfibi, alcuni dei quali protetti in quanto in via di estinzione. Tra questi la tartaruga “scatola” del sud-est asiatico e la tartaruga gigante asiatica, la lontra asiatica, il pitone reticolato, il macaco mangiatore di granchi, il pipistrello “ferro di cavallo” malese, la mangusta di Giava e lo scoiattolo.

Dalla natura alla cultura. Phatthalung è anche conosciuta per prodotti di tessitura sempre più ricercati e artigianato. Le comunità locali hanno adattato l'arte tradizionale - passata di generazione in generazione- come forma di conoscenza locale - incorporando design e fascino contemporanei. I prodotti sono realizzati utilizzando materiali naturali come la pianta acquatica Krajood, comune nella regione.

Un altro prodotto popolare di Phatthalung è la farina di sago. Viene prodotta utilizzando una specie di palma originaria della regione tropicale del sud-est asiatico. A metà strada tra Thale Noi e la città di Phatthalung si trova il centro Ban Hua Phru ove i visitatori possono acquistare dolci e altri snack e conoscere il processo con cui queste deliziose prelibatezze sono realizzate.

Per coloro che si trovano nella città di Phatthalung di domenica, il mercato Tai Not Green si svolge in un’atmosfera davvero “local” dalle 9:00 circa fino al tardo pomeriggio, con venditori che propongono artigianato e deliziosa cucina di strada a base di prodotti privi di sostanze chimiche.

Wat Khuha Sawan è il tempio più importante della città di Phatthalung. Utilizzato per la prima volta per le cerimonie religiose tra l’VIII e il X secolo, questo tempio si estende su un paio di dirupi con grotte e punti panoramici.

Cosa fare

Phatthalung si trova nell'estremo sud della Thailandia, sulla costa occidentale del lago Songkhla, ai piedi del monte Ok Thalu. E’ considerata il luogo di nascita del Nang Talung , del Teatro delle Ombre e della danza Nora. La città presenta un punto di riferimento unico, due curiose formazioni calcaree, una delle quali attraversata da un tunnel, mentre l'attrazione più famosa della provincia è il Thale Noi Waterfowl Park, il più grande del suo genere in Thailandia. Oltre alle attrazioni naturali, i visitatori possono conoscere la storia della città mentre visitano antichi monumenti e templi.

1. Thale Noi

è la zona umida più significativa del paese, copre un'area gigantesca, toccando ben tre province: Phatthalung, Songkhla e Nakhon Si Thammarat. L'attrazione più nota è il “Lotus Sea”, la più grande distesa  di loto rosso nella regione meridionale. E tradizione recarsi all’alba presso il Khlong Pak Pra, per osservare il tipico modo di sollevare le reti da pesca degli abitanti del villaggio di Hua Lan Hua Lieo.

2. Lan Khoi Rafting sulle rapide

A Pa Phayom si pratica il rafting sull'Huai Nam Sai già dal 2011. Il corso d'acqua è perfetto per il rafting poiché l'acqua scorre attraverso isolotti immersi in un bellissimo ambiente naturale. È l'unico luogo nel paese in cui i visitatori possono fare rafting sia nella stagione secca che in quella piovosa. Lungo il percorso è presente personale professionale che si prende cura della sicurezza dei turisti.  Possibilità di alloggio anche per il pernottamento.

3. Na Po Kae

Amphoe Khuan Khanun è un centro per l’apprendimento dello stile di vita originale del popolo Phatthalung. Questo luogo è stato fortemente ispirato dai discorsi di re Bhumibol in merito alle teorie dell’economia di sufficienza. Si tratta di un'attrazione basata sull'apprendimento, inclusa la sperimentazione dello stile di vita rurale, l'agricoltura, il modo originale di coltivazione del riso, cibo locale e massaggi.

5. Parco nazionale Khao Pu-Khao Ya

Si estende su tre province del sud: Nakhon Si Thammarat , Phatthalung e Trang. Fondatao nel 1982 è noto per il suo ricco ecosistema e la vasta gamma di fauna selvatica costituita da 162 specie animali. Chiamato dalla gente locale "Bha Brommajan" che significa "la foresta della verginità", è coperto da foresta pluviale tropicale e in alcune zone da foreste sempreverdi. Fornisce due percorsi naturalistici adatti per lo studio della natura, delle erbe e della ricerca sulle risorse naturali.