Triangolo d'Oro
Wat Phrathat Phu Kao
Chiang saen

 

La città di Chiang Saen, deliziosamente situata sulle sponde del fiume Mekong, è il sito di un insediamento antico che precede la nascita di Chiang Rai. Le testimonianze di questo periodo si palesano nelle rovine delle mura cittadine, nei fossati e nei templi. Fu effettivamente verso il 1328 che la città fu allestita così come la vediamo oggi., quando il re Saen Phu, nipote di Mengrai, trasferì la capitale del Regno Lanna nella città che porta il suo nome. Il periodo migliore per visitare il luogo è durante il monsone invernale, il periodo più secco e meno caldo dell’anno che va da novembre a marzo. Utile per capire di più sulla storia e la cultura dell’area una visita al Museo Nazionale. Questo piccolo museo è dedicato all’insediamento storico di Chiang Saen e la sua antica cultura e fornisce anche informazioni sui siti archeologici e sulle minoranze etniche residenti nel bacino del fiume Mekong. Inoltre, vi sono esposte anche statue di Buddha ed interessanti manufatti del periodo Lanna. Il museo è aperto da mercoledì alla domenica, dalle ore 9.00 alle ore 16.00, eccetto giorni festivi. A sud di Chiang Saen, sulla superstrada numero 1060 al chilometro 27, si prende una traversa e la si percorre per due chilometri fino ad incontrare il lago. Questo straordinario specchio d’acqua di 640 ettari ospita durante l’inverno stormi di uccelli acquatici migratori. Sono disponibili alloggi e la possibilità di svolgere sport acquatici. Un tour in questi luoghi può iniziare con una gita in barca dal Triangolo d’Oro fino alla valle di Chian Saen e continua su strada per ammirare templi antichi e mercatini. Da Chiang Saen, infatti, con una breve corsa in auto, si può raggiungere Sop Ruak ovvero il famoso “Golden Triangle“. Situato presso la confluenza dei fiumi Mekong e Ruak, al punto di incontro dei confini tra Thailandia, Laos e Birmania, è un luogo dal fascino misterioso in quanto evoca racconti, di un recente passato, di commercio e contrabbando di oppio. Su questo tema, molto istruttiva la visita al Museo dell’Oppio. Con una breve salita si può raggiungere Wat Phrathat Phu Kao, da cui si ha un’ampia vista della vallata.

Collocazione: Chiang Rai non dispone di una stazione ferroviaria ed il treno non è evidentemente l’opzione migliore per raggiungere Chiang Saeng. Se avete tempo a disposizione e volete approfittarne per visitare i dintorni di Chiang Rai e l’entroterra della Thailandia, noleggiare una macchina o una moto potrebbe essere una soluzione conveniente e che vi garantisce la massima libertà. Ovviamente alcune aziende di trasporti e agenzie di viaggi offrono servizi di trasporto privato in minivan dalle principali città.