Baan Chiang
Baan Chiang

Ban Chiang è considerato il più importante insediamento preistorico finora scoperto nel sud-est asiatico. Segna una tappa importante nell'evoluzione culturale, sociale e tecnologica dell’uomo. Il sito presenta le prime tracce di colture agricole nella regione e della produzione e dell'uso di metalli. Il sito archeologico di Ban Chiang è un grosso cumulo preistorico di terra, situato in una zona agricola nel distretto di Ban Chiang, distretto di Nong Han nella zona nordorientale della Thailandia, all'interno dello spartiacque del fiume Mekong. È un tumulo ovale formato da abitazioni umane. Il sito è stato scoperto per la prima volta nel 1966. Da allora è stato estesamente scavato e i suoi resti sono stati studiati da studiosi thailandesi e internazionali. Dal 1966 la datazione del sito è stata adeguata e raffinata nel tempo in linea con i progressi nella comprensione delle tecniche di datazione radiometrica. Questa ricerca ha rivelato che il sito risale al 1.495 a.C. e contiene prove precoci di un'occupazione agraria stabilita nel sud-est asiatico associata all’allevamento alla produzione di ceramica e di utensili in bronzo. L'area totale è di 67,36 ettari, di cui solo lo 0,09% è stato portato alla luce. Nel sito risulta evidente anche una crescente prosperità economica e la complessità sociale delle comunità successive di Ban Chiang, resa possibile dalle pratiche culturali in atto, come le numerose sepolture ricche di merci in ceramica e metallo, scoperte nel sito. Il sito archeologico di Ban Chiang è anche il più ricco del Sud-Est asiatico nel numero e nella varietà di manufatti recuperati.

Indirizzo: Tambon Ban Chiang, Amphoe Nong Han, Chang Wat Udon Thani 41320