Krabi

Tourism Authority of Thailand (TAT) e il suo ufficio di Krabi sono in procinto di lanciare un nuovo concept di marketing denominato “Krabi Premium”. Il progetto è volto a fornire ai turisti “il meglio del meglio” di Krabi attraverso esperienze significative che stimolino la spesa turistica per generare entrate aggiuntive a vantaggio delle comunità locali della provincia.

L’iniziativa mira anche a promuovere un turismo più responsabile incoraggiando allo stesso tempo lo scambio di idee tra locali, turisti e operatori turistici su come promuovere il concetto sia a livello locale che nazionale e internazionale.

“Krabi Premium” è iniziato come un progetto per attirare più turisti domestici e internazionali attraverso il lancio dei siti We are Krabi (https://en.wearekrabi.com/) e Bookcaze (https://www.bookcaze.com/index.php?route=common/home). L’attività ora si sta espandendo per coprire tutti i potenziali mercati. Attraverso partnership con tour operator e hotel, i turisti internazionali sapranno di più di ciò che può essere vissuto a Krabi, mentre i turisti thailandesi sapranno di essere accolti tutto l’anno.

Il nucleo fondamentale di “Krabi Premium” comprende:

Attrazioni: Krabi vanta 154 isole e tre parchi nazionali tra cui il Parco Nazionale Hat Noppharat Thara-Mu Ko Phi Phi e cinque comunità locali uniche.

Alloggi: Krabi ospita numerosi hotel di classe mondiale e, soprattutto, molti hotel a Krabi sono noti per la loro vocazione ecologica e il cibo thailandese.

Inoltre, Krabi è nota per i suoi valori turistici sostenibili e rispettosi dell’ambiente ed è vista come una destinazione ecoturistica modello. Nel 2018, Krabi ha ricevuto il premio “Global Low Carbon Carbon Ecological Spot” alla cerimonia annuale del Forum globale sugli insediamenti umani e le città sostenibili, UNESCAP.

Krabi ha anche sostenuto per oltre un anno la sua campagna per “nessuna plastica monouso, nessun contenitore di schiuma” grazie all’organizzazione di diversi eventi, tra cui il recente Krabi Naga Fest, nel corso del quale i fornitori hanno bandito l’utilizzo della plastica monouso e sfruttato, invece, energia solare e combustibili biodiesel per la generazione di elettricità.

 

Nike

Category_news: Da visitare, Turismo